msgbartop
Dai importanza al tuo futuro. Consulta le offerte lavoro, i concorsi pubblici, le notizie e le guide di formazione. Pubblica annunci e post informativi sui 6 blog lavoro
msgbarbottom

08 set 09 Le Ferie dal Lavoro

Le ferie sono un certo numero di giornate lavorative pagate al 100% del salario giornaliero alle quali hanno diritto ogni anno i lavoratori di ogni professione e tipologia contrattuale.

Il periodo minimo è previsto dalle Costituzioni di molti Stati e varia da una nazione all’altra, ed è fruibile anche se il testo del contratto di lavoro non specifica il periodo di ferie spettanti al lavoratore (la Costituzione è una fonte del diritto di ordine superiore ad un contratto di lavoro e dunque prevalente).

La Costituzione italiana sancisce che ogni lavoratore ha diritto personale e inalienabile ad un periodo di ferie al quale il lavoratore non può rinunciare e che deve effettivamente fruire (art. 36). La Costituzione non specifica la durata minima di tale periodo (nè nel testo originale né nelle più recenti integrazioni).

Per la legge attuale, il prestatore di lavoro ha diritto a un periodo di ferie retribuite non inferiore a 4 settimane, che non possono essere liquidate in economico (art.10 del decreto legislativo n° 213 del 2004). Il minimo di 20 giorni annuali, previsti da tutti i contratti collettivi, è stato introdotto dal D.lgs. n. 66 del 2003.

Per i giorni restanti, se non vengono concesse le ferie al lavoratore, questi ha diritto che gli vengano retribuite. I CCNL di categoria possono aumentare le ferie cui ha annualmente diritto il lavoratore.

Collegamenti esterni

Chiaramente la definizione fin qui riportata si adatta perfettamente solo alla categoria largamente intesa dei “lavoratori dipendenti”. Secondo gran parte della dottrina giuslavorista, dovrebbero essere maturi i tempi per estendere tali benefici a tutti i lavoratori, anche autonomi o liberi professionisti, come già si sta tentando di fare in materia di congedo pagato per gravidanza e allattamento; quest’ultimo inteso in senso estensivo e quindi applicabile, con le dovute cautele, anche ai padri, che possono così occuparsi dei figli, consentendo alla moglie di portare avanti il proprio lavoro. Pertanto secondo questa parte della dottrina sarebbe auspicabile mettere a carico della previdenza sociale anche il periodo di ferie del lavoratore autonomo, definendone limiti e benefici, anche a garanzia della salute del lavoratore stesso. Ma i tempi di attuazione di un simile beneficio non si prevedono nè brevi, nè tantomeno certi.

Fonte: Wikipedia


Hanno Letto anche:

Condividi: Queste icone linkano i siti di social bookmarking sui quali i lettori possono condividere e trovare nuove pagine web.
  • Webnews
  • Digg
  • del.icio.us
  • email
  • Facebook
  • Google Bookmarks
  • MySpace
  • Netscape
  • OKnotizie
  • Print
  • Technorati
  • Wikio IT
  • YahooMyWeb

Tags:



Reader's Comments

  1. |

    Sono venti anni che lavoro come insegnante, in particolare le donne mi hanno mobbizzato perchè non mi concedo sessualmente e perciò mi ritengono gay. Attualmente sono sposato da quasi otto anni, ma persistono. Ho dovuto cambiare numerose scuole e ho impiegato tantissimo tempo per neoimmettermi anche se ho una laurea in pedagogia, un diploma di specializzazione in scienze religiose ed iun’aòltra laurea, in Psicologia, in arriivo.
    Sono ricorso ad una decina di avvacota, amici di conoscenti e persone di cui ho avuto fiducia, ma niente…

  2. |

    ho una domanda::: io lavoro come operaio in un ente statale, e il mio problema e’ questo.
    anche se diamo le ferie 6 mesi prima , il nostro superiore ci da la conferma un mese prima, e’ giusto questo??? quanto tempo deve passare dalla richiesta di ferie all’ok??? e’ noto che prima sai prima prenoti e meno spendi… sapete darmi questa risposta??? grazie… ps se c’e’ una legge ho articolo, vorrei saperlo grazie



Leave a Comment

Get Adobe Flash playerPlugin by wpburn.com wordpress themes